Risul­ta­ti Tor­neo di Scac­chi

Agen­ti ester­ni e ina­spet­ta­ti impe­gni met­to­no a dura pro­va il Club di Scac­chi del D’Azeglio, crean­do le con­di­zio­ni più avver­se per orga­niz­za­re il tan­to atte­so tor­neo di Nata­le. 

Atti­vi­tà spor­ti­ve sul­la neve por­ta­no via inte­re squa­dre di scac­chi­sti pro­met­ten­ti. Il grup­po di tea­tro svol­ge la lezio­ne più impor­tan­te pro­prio nel­la set­ti­ma­na del tor­neo. I musi­can­ti dell’ensemble han­no le ulti­me pro­ve in vista del con­cer­to di fine anno. Il cor­so di lin­gua dei segni cade nel stes­so gior­no del tor­neo, rischian­do di toglie­re docen­ti e stu­den­ti alla com­pe­ti­zio­ne. 

Eppu­re la secon­da edi­zio­ne del tor­neo Hap­py Chess­mas pren­de vita! Ben 24 par­te­ci­pan­ti (con­si­de­ran­do il signor Bye che darà mol­te sod­di­sfa­zio­ni) si sfi­da­no il 20 dicem­bre a scuo­la. 

Pochi ospi­ti spe­cia­li, pur­trop­po: nes­sun col­la­bo­ra­to­re sco­la­sti­co, nes­sun ester­no e un solo pro­fes­so­re. Pochis­si­me ragaz­ze: due. Ma la gara è acce­sa e non man­ca­no i col­pi di sce­na! La novi­tà del tem­po di rifles­sio­ne sen­za incre­men­to, infat­ti, ren­de la vita dif­fi­ci­le per mol­ti gio­ca­to­ri. (Per i non esper­ti, signi­fi­ca che ogni gio­ca­to­re ha 10 minu­ti com­ples­si­vi, sen­za tem­po aggiun­ti­vo ad ogni mos­sa, quin­di se fini­sce il tem­po men­tre è il pro­prio tur­no, si per­de, anche se in net­to van­tag­gio N.d.R.)

Gli orga­niz­za­to­ri del tor­neo, Miche­le Ales­sio e Etto­re Boe­ro, non vin­co­no mol­to. Qual­cu­no pen­sa sia qua­si una scel­ta volu­ta, come rega­lo di nata­le per i nuo­vi par­te­ci­pan­ti? Chis­sà. 

Di con­tro, tor­na a stra­vin­ce­re Elia Ver­nì che era sta­to giù di tono nel­le pas­sa­te edi­zio­ni. Pro­ba­bil­men­te ha tra­scor­so gli ulti­mi mesi a stu­dia­re o a gio­ca­re di not­te onli­ne, viste le occhia­ie. Ma in ogni caso meri­ta sicu­ra­men­te il secon­do posto del tor­neo!

Il cam­pio­ne in cari­ca Junio­res, Gabrie­le Piz­zi­chet­ta, non reg­ge la ten­sio­ne del­la pole posi­tion, e dopo una pri­ma faci­le vit­to­ria, per­de con­cen­tra­zio­ne, per­met­ten­do al teo­ri­co del­lo Scac­chia Ludus, Mat­teo Sar­to­ri, di sca­la­re la clas­si­fi­ca e otte­ne­re un meri­ta­tis­si­mo ter­zo posto.

Le ragaz­ze si bat­to­no stre­nua­men­te per ambi­re al pri­mo pre­mio fem­mi­ni­le e sul filo del raso­io (!) la Regi­na degli Scac­chi del D’Azeglio, Matil­de Cibra­rio, ha la meglio sul­la corag­gio­sis­si­ma Chia­ra Pil­lon e vin­ce non solo il pri­mo pre­mio fem­mi­ni­le, ma occu­pa anche sta­bil­men­te la casa for­te del quar­to posto.

Degna di nota la soli­ta sfi­da vip, tra Etto­re Boe­ro ed Ema­nue­le Biol­ca­ti. Par­ti­ta dif­fi­ci­le, con il gio­va­ne che per­de la qua­li­tà (Per­de­re la qua­li­tà signi­fi­ca cam­bia­re una pro­pria tor­re per un caval­lo o un alfie­re avver­sa­rio, N.d.R.), ma rie­sce a difen­der­si in modo esem­pla­re, fino a ribal­ta­re la par­ti­ta, pas­sa­re in van­tag­gio e vin­ce­re per tem­po con un solo secon­do sul cro­no­me­tro!

Come ci si aspet­ta­va, le gior­na­te scii­sti­che han­no demo­li­to alcu­ne gran­di men­ti scac­chi­sti­che. Gasto­ne Boe­ro ha ver­go­gno­sa­men­te sal­ta­to il tor­neo per trop­po son­no, men­tre Giu­lio Dell’Arti non è riu­sci­to a con­cen­trar­si a dove­re. Buo­ne pre­sta­zio­ni per mol­ti altri, come Lui­gi Castel­la­ni che ambi­sce ad un posto par­te nel­la squa­dra pro­vin­cia­le.

E tra le mol­te com­pli­ca­zio­ni, gra­zie al con­tri­bu­to di Elia Ver­nì e del Pre­si­den­te del­lo Scac­chia Ludus Fran­ce­sco Valen­te, è sta­to anche pos­si­bi­le ave­re dei pre­mi rea­liz­za­ti nel FabLab del­la scuo­la. Men­tre il ser­vi­zio foto­gra­fi­co è come di con­sue­to rea­liz­za­to da Bene­det­ta Jorio, la PR del Club. 

E’ tut­to, pro­prio un bel tor­neo, che, con le 6 par­ti­te per ognu­no, ha per­mes­so ai gio­ca­to­ri di diver­tir­si e festeg­gia­re così la fine del 2023. 

Ho for­se dimen­ti­ca­to qual­co­sa? Ah, già, il vin­ci­to­re, ma per­ché que­sta era l’unica cer­tez­za del tor­neo! Ha cer­ca­to di gio­ca­re aper­tu­re sco­no­sciu­te per dare un po’ di van­tag­gio agli avver­sa­ri, si è impe­gna­to per non stra­fa­re, insom­ma si è ado­pe­ra­to per il bene dei com­pa­gni, ma è sta­to ine­vi­ta­bi­le. Miche­le Ceri­co­la ha vin­to con gran­de van­tag­gio tut­te e sei le par­ti­te, con­tro i gio­ca­to­ri più for­ti del tor­neo, otte­nen­do il pri­mo posto asso­lu­to e aggiu­di­can­do­si la secon­da edi­zio­ne del Hap­py Chess­mass!

Buon Nata­le a tut­ti dal­lo Scac­chia Ludus!

Ulti­mo aggior­na­men­to: 22 Dicem­bre 2023

Torna in alto